Slider

Castagnole, ultimo atto

 di Erica de Falco

Castagnole o frappe?

Per me è un po’ come la scelta tra Panettone o Pandoro. Tra i due scelgo tutta la vita le castagnole. con zucchero a velo, fritte, al forno, ripiene o caramellate rappresentano una droga. Una tira l’altra. Mia mamma le faceva caramellate, assolutamente superlative, dovete provarle. Dopo averle fritte le saltava in una grande pentola di rame con lo zucchero, la vanillina e la scorza di limone. Ora nelle pasticcerie le troviamo ripiene di ricotta, nutella, cioccolato o creme. Per me sono diventati dei grandi bignè fritti quindi per quanto possano esser buone, le castagnole originali non si battono. Erica le ha preparate per noi.

Abbiamo altri due giorni per cedere. Pentole in mano e via a friggere!!!!

Ricetta

Ingredienti:

  • 300 gr di farina
  • 100 gr di fecola di patate
  • 2 uova
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 50 gr di burro fuso
  • 1 bicchierino di rum o cognac
  • 1 cucchiaio raso di lievito
  • scorsa di limone

Il procedimento è semplicissimo, pesiamo tutti gli ingredienti e li uniamo in una grande ciotola. Con una frusta a mano giriamo e amalgamiamo le farine con le uova e il burro e rum. Risulterà un impasto cremoso, formiamo delle piccole palline aiutandoci con il cucchiaio, e le friggiamo in olio di arachidi preriscaldato. Le scoliamo nella carta per togliere l’olio in eccesso e quando saranno tiepide diamo una spolverata di zucchero a velo.

Buon martedì grasso a tutti!!