Slider

Hotel Luxor Veg

è la prova che anche in vacanza si può mangiar e bere in modo  sano

Qualche mese fa ho incontrato Barbara Bianchi per un bellissima intervista. Lei è una chef straordinaria e insieme alla sua famiglia gestiscono da sessant’ anni un Hotel, il Luxor a Bellaria – Igea Marina (RN), il primo Vegan Hotel in Italia. Sapete non sono vegana, la mia alimentazione è varia e mangio qualunque cosa. Ma spesso per disintossicarmi dalle proteine animali, e oggi saremmo sciocchi a non pensare che sia giusto farlo periodicamente, sono affascinata da questa cucina. E’ difficile trovare una chef brava che riesca a cucinare così bene tofu e seitan da farmi leccare i baffi. Io l’ho finalmente trovata. Dopo questa intervista e dopo aver capito la sua filosofia, ovvero che il cibo è la cura per il nostro benessere, non ho resistito e sono andata a trovarla nel suo bellissimo Hotel.

                   

L’Hotel è ad Igea Marina, un luogo dove il tempo sembra non passare mai. E’ una di quelle località che rappresentano porti sicuri. Questa è stata la mia impressione. E’ vero il mare non è bello ma nella tradizione italiana è il luogo ideale per famiglie, per nonni con i nipoti e per giovani in cerca di divertimento. Le spiagge sono super attrezzate, i servizi eccellenti, gli hotel sono uno accanto all’altro. Mi piace pensarlo come un luogo dove manderei mia mamma con i miei nipotini.

La struttura, recentemente rinnovata, ha diverse camere tutte molto luminose. Io ho soggiornato nella suite familiare. Posizionata all’ultimo piano aveva una vista meravigliosa. Un terrazzo comune con la vista sul mare è il posto ideale per trascorrere momenti di assoluto relax. Confesso, mi sono svegliata alle 5.30 del mattino solo per vedere l’alba, ma come facevo a perderla?

         

Durante il mio soggiorno ho incontrato Barbara e ne ho approfittato per farle alcune domande.

Sul vostro sito c’è una frase che mi piace molto: la colazione è il primo sorriso della giornata. E proprio dalla colazione, interamente fatta in casa e naturale, inizia il nostro viaggio gastronomico nella vostra cucina. Puoi parlarmi di come siete arrivati ad esser il primo Vegan Hotel? “Abbiamo iniziato questo discorso da un punto di vista prettamente commerciale, sul web si parlava di noi per la cucina vegetariana, quindi c’è sempre stata una predisposizione naturale verso il cibo del territorio, della campagna e siamo sempre stati dei grandi consumatori di verdure e legumi. L’attenzione per queste materie prime l’abbiamo sempre avuta, poi abbiamo cavalcato l’onda quando sono iniziate ad arrivare le richieste di cibo vegano e io mi sono specializzata in questo. Le prime persone che esponevano queste richieste erano persone che avevano soprattutto problemi di salute, quindi sono andata ad approfondire argomenti che non mi erano chiari fin da subito. Ho iniziato a proporre cibi vegani, mantenendo un equilibrio, ovvero senza tralasciare i cereali, le verdure, gli estratti e tutti ingredienti che non avevo mai inserito nel mio menù. Con il tempo anche io sono diventata vegana e l’ho fatto durante la stagione estiva, nel periodo di maggior sforzo lavorativo e ho notato un aumento di energia. Oggi il mio obiettivo primario è crear una cucina più sana possibile.”

         

Sia per il pranzo che per la cena avete scelto la formula buffet, come mai questa scelta?  “La scelta del buffet sia a pranzo che a cena è sicuramente la scelta più facile. Alcuni piatti sono difficili da descrivere in un menù, invece vedendoli stuzzicano molto l’appetito. Creiamo un effetto sorpresa, gli ospiti arrivano ogni giorno al buffet e non sanno cosa ci sarà. Inoltre utilizzo materie prime a chilometro zero, non posso decidere cosa inserire nel menù, tutto dipende dalla natura e da quello che viene raccolto nella campagna. Per i clienti onnivori è sicuramente un’opportunità in più perché ha sempre una parte di carne, pesce o formaggi e una serie di sapori nuovi molto apprezzati. Una fascia della nostra clientela ogni anno sceglie il nostro Hotel, sono famiglie che continuano ad apprezzare la nostra evoluzione e accettano le nostre proposte, ciò significa che non ci siamo discostati molto dalle nostre tradizioni.

        

Queste le foto del mio pranzo, la scelta degli ingredienti è di origine vegetale, sono a chilometro zero, semplici e veri. L’ho provato di persona e vi assicuro che ho mangiato con gusto e curiosità. Barbara è un ottima chef, solo lei poteva farmi mangiare vegano!! Il tofu più buono del mondo, con i pomodori pendolino della campagna colti la mattina stessa, basilico fresco, olive taggiasche ed ecco un mix di sapori che ha fatto la differenza.

La mia intervista continua e le ho chiesto una piccola curiosità: qual è il tuo ingrediente segreto? “Il mio ingrediente segreto è la continua ricerca, l’esperienza e la capacità di inventiva nell’utilizzare le materie prime in modo sano ed equilibrato. Un altro piccolo segreto che rappresenta il tocco finale è l”utilizzo nella mia cucina e nella mia vita quotidiana dell’acqua Kangen, un’acqua alcalina ionizzata. Le sue proprietà sono fortemente antiossidanti, idratanti e disintossicanti. Da circa un anno ho iniziato ad utilizzarla ed oggi non riesco a farne a meno. Nel nostro Hotel gli ospiti possono scegliere se bere l’acqua in bottiglia classica o quella Kangen. I benefici in cucina sono molteplici. Il riso e i cereali acquistano sapori davvero autentici grazie al suo potere estrattivo. Utilizzando  molti legumi secchi se prima impiegavo 10 ore per renderli morbidi, ora grazie a quest’acqua in 4 ore sono pronti. Le materie prime che utilizzo sono biologiche, a volte possono esser un pochino provate dal sole, ma quando vengono lavate con l’acqua Kangen si idratano e riprendono vigore.”

Gli ospiti dell’Hotel hanno sempre a disposizione acque aromatizzate Kangen. Ho chiesto a Barbara una piccola ricetta per noi: Acqua Kangen (naturalmente possiamo utilizzare qualunque acqua), cetriolo, menta, zenzero e limone. Solitamente ci vogliono molte ore per prepararle ma grazie alle proprietà estrattive di quest’acqua alcalina il tempo si riduce notevolmente.

          

Ho provato quest’acqua, l’ho trovata leggera, dissetante e in due giorni che sono stata in questo hotel mi sono disintossicata.
Grazie a Barbara e alla sua cucina ho capito che possiamo e dobbiamo mangiar e bere in modo sano.
 Leggete anche la mia intervista: Barbara Bianchi e la sua cura con il cibo.

 

INFORMAZIONI UTILI:

Hotel Luxor Veg,  Via Silio Italico, 3 – 47814 Igea Marina (RN)

Tel. 0541.330406 info@hluxor.it