Slider

Monte Due Torri Gourmet e la sfida dello chef Josè Amici

 

C’era una volta un castello fortificato dove il dittatore Mario Furio Camillo nel lontano 389 a.c. vinse sui Volsci. Il casale venne poi ricostruito su grandi cisterne romane e avvolto da muraglie medievali per il controllo del territorio. 

Oggi c’è un Agriturismo, il Monte Due Torri che prende il nome dall’omonimo monte che si trova nelle terre dei Castelli Romani.

L’agriturismo, situato in questa location suggestiva, da la possibilità di poter degustare una cucina tradizionale, realizzata con prodotti del territorio con pane, pasta, dolci, miele, olio, ortaggi, frutta provenienti dalla stessa terra. Qui finalmente abbiamo il vero km 0.

Da poco tempo Monte Due Torri è divenuto anche Gourmet grazie alla sfida e all’ambizione dello Chef Josè Amici. Il suo desiderio è quello di unire genuinità, prodotti enogastronomici della tradizione della campagna romana e raffinatezza. L’idea di questo giovane, ma talentoso chef, è quella di unire Arte, Cibo e Culture di epoche romane fino ad oggi puntando sulla qualità dei prodotti che vengono lavorati con stile.

Il servizio per questo ristorante gourmet è riservato ad un massimo di 10 commensali ed è necessaria la prenotazione. Il servizio è eccellente e la sala dove viene servita la cena è stata ricavata da un’antica cisterna romana, circolare con le pareti in mattonino e con al centro un’apertura che permette di ammirare il cielo con il naso in sù. Ogni dettaglio è attentamente curato. La prima cosa che balza agli occhi, oltre la perfezione della mise en place e dell’ambiente suggestivo, è il richiamo ad un’opera d’arte sulla tavola. 

 

 

 

 

 

 

 

 
Cornice croccante con polvere di pomodoro e olio al basilico, attraverso la quale lo chef Josè Amici vuole trasmettere la sua filosofia in cucina ispirandosi all’opera di Lucio Fontana, Taglio su tela.
La cena inizia con alcuni benvenuti dello chef. Panzerotto ripieno di pachino confit, mozzarella di bufala e alici di Anzio, tutto scottato con olio extravergine di oliva prodotto dalla loro azienda, con una spolverata di parmigiano e foglioline di maggiorana. Accanto uno gnocco alla romana fatto con parmigiano pecorino, semolino condito con olio extravergine aromatizzato alla menta.
Durante questa cena per la prima volta nella mia vita ho mangiato la lumaca, in gergo laziale la Ciammaruca, fatta ingrassare nel latte, per far rilasciare la sua essenza, condita con zucchine, peperoni, lime e gel al finocchio, ed infine avvolta in foglia di lattuga. Per dovere l’ho assaggiata, conclusione, difficilmente ripeterò l’esperienza. Ma è un problema del mio palato che non ama quella consistenza.
Terzo ed ultimo entrée, Chips di riso croccante tricolore con una punta di maionese biologica. Quella verde aromatizzata al basilico, quella bianca all’aglio e infine quella rossa allo zafferano.
 
Piatto di ingresso, Arringa affumicata, un piatto tipico della cultura romana rivisitato. Sul fondo crema di uvetta, gel all’arancia e pane croccante all’aglio ed infine viene versata la clorofilla. Ultimo ingrediente salsa balsamica di Apicio, una vecchia ricetta con aceto di Modena.
 
 
 
 
Arriviamo al primo piatto, Fagottelli ripieni con salsa all’amatriciana, crema con pecorino, pachino confit e fogliolina di aneto con una spolverata di crumble di guanciale croccante.
 
Piccione frullato un mese con fiori di camomilla su una crema di patate affumicate al pino, peperoni al idromele (una ricetta molto antica, a base di acqua e miele fermentato), al centro zampette di piccione frullate con camomilla, soia e zenzero
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Il dessert viene preceduto da un piccolo assaggio di sorbetto al limone e fragola accompagnato da gel di fragola e fogliolina di menta.
Dolce gelato esotico al mango su crema di passion fruit e limone, con crumble e spugna di cacao suggella la fine di una cena che rappresentato una vera esperienza.
 
 
Due sono i menù che si possono scegliere “Le soste di Caligola” ad Euro 50,00 ed “Eterno” ad Euro 70,00.
In entrambi ad ogni portata è compreso in abbinamento un calice di vino.
L’idea dello chef Josè Amici è quella di valorizzare i prodotti del territorio partendo da ricette antichissime della nostra regione.
Una cantina di élite dove vivere non una semplice cena ma una vera esperienza in un ambiente elegante e raffinato.
 
 
INFORMAZIONI UTILI
 

Monte Due Torri Gourmet –  Via Montegiove Nuovo, 77, 00045 Genzano di Roma (RM)

Tel +39 / 069363276 info@monte2torrigourmet.it

Aperto la sera dal Martedì al Sabato. Obbligatoria la prenotazione. Dress code: Elegante

 
 

Arriva il quarto Supplizio a Trastevere

Arriva il quarto Supplizio a Trastevere.Dopo cinque anni dall'apertura del locale in Via dei Banchi Vecchi 143, dopo il Food Box a Mercato Testaccio e l'apertura in Via dei Coronari 25, Arcangelo Dandini insieme a Marco Morello apre il quarto...

Una giornata al Margutta, vegetarian food & art

Una giornata al Margutta, vegetarian food & art A pochi passi da Piazza di Spagna troviamo una piccola via dove si mescolano arte, bellezza e storia. Ritengo che Via Margutta sia una delle strade più belle di Roma, forse perché mio padre è...

Ricetta – Torta al cioccolato che crea dipendenza

Torta al cioccolato che crea dipendenzaOggi parliamo di ricette segrete. Quante volte vi è capitato di assaggiare una torta e chiedere la ricetta? Buio totale.In passato ho fatto parte di questa categoria di persone restie e ho sempre "svagato"...

Monte Due Torri Gourmet e la sfida dello chef Josè Amici

Monte Due Torri Gourmet e la sfida dello chef Josè Amici C'era una volta un castello fortificato dove il dittatore Mario Furio Camillo nel lontano 389 a.c. vinse sui Volsci. Il casale venne poi ricostruito su grandi cisterne romane e avvolto da...

La ricetta di Ilaria Barisi – Pasta con la zucca e lo speck

Ricetta di Ilaria Barisi - Pasta con la zucca e lo speckdal Blog "Una romana ma non troppo"Vi ho parlato molte volte della mia voglia di collaborare con persone che stimo, seguo e ammiro. Oggi vi presento una persona davvero speciale. Anzi,...

OiSushi e la contaminazione brasiliana e italiana che funziona

OiSushi e la contaminazione brasiliana e italiana che funzionaIn Corso Vittorio Emanuele II, in un palazzo d'epoca nel centro della Roma Rinascimentale, da pochi mesi si sta verificando una rivoluzione nel modo di immaginare il sushi. Un...

Torta all’ananas

Torta all'ananasdella PolpiRicettaIngredienti:4 uova250 gr di farina150 gr di zucchero150 gr di burro1 bustina di lievito per dolci1 confezione di ananas in barattolo oppure 8 fette di ananas baby5 cucchiai di zucchero1 limone...

Hiromi Cake, la prima pasticceria giapponese a Roma

Hiromi Cake, la prima pasticceria giapponese a RomaIl quartiere Prati torna a far parlare di sé grazie ad una nuova apertura verso il mondo.Questa è la volta della prima pasticceria tipica giapponese, Hiromi Cake. La pastry chef Hiromi ha...

The Gipsy Bar, salotto bohèmien al Pigneto con sushi fusion e bar mixology

The Gipsy Bar  salotto bohèmien al Pigneto con sushi fusion e bar mixology   Da qualche mese nel cuore della zona Pigneto arriva The Gipsy Bar, un locale che ci riporta nella Parigi bohèmien dei primi del '900 proponendo sushi fusion e...

Un Bouquet di Gin, scegli il regalo perfetto per San Valentino

Un Bouquet di Ginscegli il regalo perfetto per San Valentino Non voglio far la solita materialista ma qui i tempi stringono, il 14 Febbraio arriva in un colpo e i regali perfetti vanno studiati per bene.E se il semplice e quanto banale mazzo di...
Pronti per un week a base di Pizza?

Pronti per un week a base di Pizza?

Pronti per un week a base di Pizza? Che ne pensate di tre giorni interamente dedicati alla scoperta di giovani chef e pizza chef emergenti dal centro al sud Italia? Io penso che sia un'occasione da non perdere. Questo week end dal 12 al 14...

leggi tutto
Arriva il quarto Supplizio a Trastevere

Arriva il quarto Supplizio a Trastevere

Arriva il quarto Supplizio a Trastevere.Dopo cinque anni dall'apertura del locale in Via dei Banchi Vecchi 143, dopo il Food Box a Mercato Testaccio e l'apertura in Via dei Coronari 25, Arcangelo Dandini insieme a Marco Morello apre il quarto...

leggi tutto
Una giornata al Margutta, vegetarian food & art

Una giornata al Margutta, vegetarian food & art

Una giornata al Margutta, vegetarian food & art A pochi passi da Piazza di Spagna troviamo una piccola via dove si mescolano arte, bellezza e storia. Ritengo che Via Margutta sia una delle strade più belle di Roma, forse perché mio padre è...

leggi tutto
Ricetta  – Torta al cioccolato che crea dipendenza

Ricetta – Torta al cioccolato che crea dipendenza

Torta al cioccolato che crea dipendenzaOggi parliamo di ricette segrete. Quante volte vi è capitato di assaggiare una torta e chiedere la ricetta? Buio totale.In passato ho fatto parte di questa categoria di persone restie e ho sempre "svagato"...

leggi tutto

Share This

Share this post with your friends!