Patificio San Lorenzo

una nuova scommessa per lo storico quartiere

Il quartiere di San Lorenzo negli ultimi anni non ha goduto di un’ottima fama dal punto di vista enogastronomico. Gli eventi di cronaca che evidenziano il degrado sociale hanno portato alla chiusura di molti ristoranti e locali, anche storici. Oggi, nonostante la grande crisi nella ristorazione, c’è chi ha deciso di investire e riaprire un luogo che ha rappresentato un punto di riferimento nel quartiere, Pastificio San Lorenzo.

La Storia 

Il Pastificio San Lorenzo nasce all’interno dello storico Pastificio Cerere, la più antica delle fabbriche del quartiere che dal 1905 al 1960 ha fornito pasta e farina alla capitale e che circa un decennio dopo divenne un centro artistico. Il nuovo Pastificio è un’osteria gastronomica moderna dall’aspetto retrò, che vuol unire l’arte della pasta artigianale al cocktail bar d’autore. Si può definire un vero e proprio comfort place dove si torna ad una dimensione semplice ma di qualità.

In sinergia con la Fondazione che lo ospita, il Pastificio San Lorenzo vuole tornare a essere un ritrovo per giovani talenti, artisti, musicisti e avventori di San Lorenzo. Uno spazio sempre vivo, dall’aperitivo al dopo cena, con piccoli concerti, mostre, eventi e collaborazioni che porteranno una nuova spinta propulsiva verso il processo di rigenerazione di un quartiere che ha bisogno di una grande spinta per ripartire.

La proposta food

Il menù del Pastificio non è suddiviso in antipasti, primi e secondi. Il menù si apre con l’invito di condividere, per poi lasciare liberi i clienti di scegliere “in ordine sparso” tra una serie di proposte stagionali di carne, pesce e verdure, ordinabili in versione piccola o grande, senza schemi o convenzioni. 

Proseguendo troviamo la sezione Pastificio, in cui si celebra la tradizione italiana della pasta in tutte le sue forme. Dai grandi classici della tradizione romana ai diversi formati di pasta fresca fatta rigorosamente in casa. Il tutto attingendo dal bagaglio di ricette regionali italiane da nord a sud, reinterpretate dallo chef in maniera personale. Una cucina di materia, semplice e diretta che parla di casa, attraverso la mano del giovane chef Gianfranco Pecchioli, che vanta esperienze importanti in Italia e all’estero come Il San Lorenzo, Enigma dei fratelli Adrià, La Pergola e Il Pagliaccio.

Durante la cena degustazione ho assaggiato molti piatti del nuovo menù. Partendo dagli antipasti la focaccia fatta in casa, servita ancora calda con vari topping, è una nuvola morbidissima. I ravioli di Galletto arrosto, hanno un sapore intenso, uno dei piatti che dovete assolutamente provare. Tra i secondi il baccalà alla cacciatora è cotto in modo perfetto e il condimento tipico per un piatto di carne è stata una bella scoperta.

 

Il Cocktail bar d’autore 

Il bancone sarà l’elemento centrale del Pastificio, inviterà i clienti non solo a bere ma a sedersi e mangiare al banco, assaggiare e scambiare due chiacchiere in ogni momento della giornata. La consulenza è affidata a Federico Tomasselli, negli ultimi anni General Manager del Jerry Thomas, che realizzerà un progetto che suddivide il bar in due grandi aree: l’invecchiamento in botte dei cocktail e una destinata ai Bloody Mary. La sezione dei Bloody Mary avrà come materia prima il sugo utilizzato nei piatti della cucina del Pastificio con aggiunta di salse ed altri prodotti speziati per arricchire la bevuta. 

Per l’area dell’invecchiamento il cocktail in una botte “Aging in Barrels” ha come scopo quello di cambiare alcuni aspetti principali del drink, come per esempio aggiungere profondità e definire una personalità più ricca al palato. In carta saranno presenti tre drink che utilizzeranno il passaggio in botte non solo per proporre il twist di un cocktail classico con queste caratteristiche ma anche per stimolare gli stessi bartender in una ricerca in ogni batch del mix migliore per il cliente sia sotto forma di cocktail o come distillato da servire alla fine di un pasto.

 

PASTIFICIO SAN LORENZO

Via Tiburtina, 196 Roma
Per info e prenotazioni 06.5043669
pastificiosanlorenzo.com

 

Carter Oblio, un posto incantevole

Qualche settimana fa ho scoperto Carter Oblio, una nuova apertura nel quartiere Prati, precisamente vicino a Piazza Cavour. La cosa che ho notato prima di varcare la soglia è stato il dehors, curato in ogni dettaglio. Una pedana che ricalca l'impronta nordica degli...

Culinaria, dove mangiare bene vicino la Stazione Termini

CULINARIA Dove mangiare bene vicino la Stazione Termini  Vicino la stazione Termini, in un vicolo tranquillo su piazza dei Cinquecento nasce il ristorante Culinaria con un menù gourmet e una curata carta dei vini. Una scelta decisamente...

L’Osteria della Trippa, la cucina romana nel cuore di Trastevere

L'Osteria della Trippa la cucina romana nel cuore di Trastevere Lei si chiama Alessandra Ruggeri, è romana di nascita ed è cresciuta fin da piccola con la passione per il buon cibo. Si diploma Cuoca dopo un corso professionale di Tu Chef e...

Salsedine, dal mare al piatto.

Salsedine, dal mare al piatto.    Nel periodo dell'anno in cui c'è maggior richiesta di pesce fresco e di qualità arriva una nuova apertura. Dove? Nel quartiere di Prati, ovviamente. Inizio a pensare che sia il centro del nostro mondo!...

Pokèdon japanese bowl e roll

Pokèdon japanese bowl e roll In questi ultimi anni il Pokè, la bowl (ciotola) di riso con pesce crudo marinato e frutta tropicale, è divenuto uno degli alimenti più consumati dalla popolazione italana, chi l'avrebbe mai detto. Secondo alcune statistiche è tra i piatti...

Il Marchese tra il fascino della nobiltà e la veracità del popolo

Il Marchese tra il fascino della nobiltà e la veracità del popolo  Il Marchese, un ristorante che sorge alla fine di via Ripetta, si trova al piano terra di uno splendido palazzo settecentesco. Appena varchiamo la soglia, l’atmosfera delle...

Bruno ai 4 venti una storica Osteria romana nel cuore di Monteverde

Bruno ai 4 Venti una storica Osteria romana nel cuore di MonteverdeNegli anni '50 Monteverde diventò il quartiere di riferimento per alcuni artisti che si erano trasferiti nella capitale. Tra questi ricordiamo Attilio Bartolucci, Pierpaolo...

Le “coraggiose” aperture autunnali

Le coraggiose aperture autunnali  Qualche settimana fa scrissi questo articolo sulle nuove aperture autunnali e tra un Dpcm governativo e l'altro ho modificato più volte.  Sono progetti importanti che, nonostante le restrizioni di oggi, hanno bisogno di esser...

Il Mirabelle lancia una proposta sorprendente, la Staycation

Il Mirabelle lancia una proposta sorprendente, la Staycation  In un momento storico in cui bisogna andar più veloci dei Dpcm governativi c'è chi lancia delle proposte sorprendenti per poter rinascere. Il Mirabelle, il ristorante panoramico, a mio avviso con la...

Bucavino, una storia di famiglia

BucaVino una storia di famiglia BucaVino, un ristorante situto nel quartiere Coppedè, è gestito da due fratelli Andrea e Francesca Romana Palmieri che fino al 2007 avevano poco a che fare con la ristorazione. Le loro strade erano completamente...

Pastificio San Lorenzo, una nuova scommessa per il quartiere.

Patificio San Lorenzo una nuova scommessa per lo storico quartiereIl quartiere di San Lorenzo negli ultimi anni non ha goduto di un’ottima fama dal punto di vista enogastronomico. Gli eventi di cronaca che evidenziano il degrado sociale hanno portato alla chiusura di...

Nuova apertura in zona Prati: Pan Pokè

Nuova apertura in zona Prati: Pan Pokè   Qualche anno fa vi avevo annunciato l'arrivo della Pokè mania, forse ho azzardato a dire che poteva sostituire il sushi, ma la previsione non era proprio errata. . Da un'attenta analisi il Pokè, ovvero una bowl (ciotola)...

Share This

Share this post with your friends!