Una Trattoria – Vineria tra Idillio e familiarità

Una Trattoria – Vineria tra Idillio e familiarità

Una trattoria – vineria tra Idillio e familiarità 

 

Se mi fermo e penso ad una tipologia di cucina penso a quella tradizionale. Nonostante sia una fan del sushi, hamburger, avocado, cucina bio e veg, che pian piano stanno sostituendo gli gnocchi del giovedì, io rimando una fedelissima delle lasagne di mamma. Ed è per questo che il primo articolo sui luoghi da scoprire lo dedico ad una trattoria a gestione familiare in zona Pigneto, precisamente in zona Malatesta, a Roma. Appena entri lo senti subito, è l’odore di casa, una casa che ormai dopo 10 anni di vita romana sento con grande nostalgia.

Io sono cresciuta con i pranzi della domenica, quelli che ci univano davanti ad un piatto di pasta fatta a mano ed ad un vassoio di pastarelle. Quando entro nella Trattoria – Vineria Idillio rivivo esattamente quelle sensazioni.

In cucina la chef Paola Lauro è coadiuvata da suo marito, il manager Vincenzo Torcasio e in sala troviamo il sommelier Andrea Torcasio, figlio della coppia. In punta di piedi entriamo nella loro cucina e provo a svelarvi la loro storia e alcuni dei loro segreti. Il primo ad accogliermi è Andrea, un ragazzo molto disponibile, l’ambiente che mi circonda è molto familiare, a questo punto ne approfitto per fargli alcune domande.

Qual è il percorso professionale della chef Paola?

“La chef, nonché mia mamma, iniziò a lavorare nelle cucine negli anni ’80, in principio come assistente, in seguito come aiuto chef e poi come chef. Non ha seguito un percorso accademico ma ha lavorato direttamente sul campo. Il suo primo incarico fu al Cafe’ Notegen, in via del Babuino, all’epoca fu il secondo caffè più antico di Roma. Ha maturato tantissime esperienze. Prima di aprire l’Idillio il suo ultimo incarico fu in un’ enoteca a San Lorenzo, in cui non c’era una cucina a disposizione e lì imparò a realizzare piatti alternativi che ora sono entrati a far parte del nostro menù, come la vellutata, le crepes e il semifreddo di grana molto apprezzato.”

Come nasce l’idea della Trattoria – Vineria l’Idillio?

“Quando la chef Paola decise di aprire il suo ristorante utilizzò sia la parola trattoria, perché voleva creare un’atmosfera di comfort per il cliente, che la parola vineria per sottolineare il richiamo al mondo del vino. Oggi c’è chi identifica l’Idillio con la gricia, chi con il semifreddo di grana che può trovare solo qui, chi viene per i dolci o per la carta dei vini. Negli ultimi anni abbiamo deciso di introdurre nel nostro menù pollo biologico e carne toscana proveniente da bestiame nutrito biologicamente, precisamente da “La Chianina, Società Agricola Fierli, Organic Farming”, questo fa si che molti clienti scelgano di venire da noi per la qualità della materia prima selezionata.”

Quando avete aperto la Trattoria come vi siete rapportarti con il quartiere Pigneto, oggi uno dei luoghi della movida romana?

“Nel 2005 quando aprì l’Idillio si verificò una rottura nel quartiere, nel nostro piccolo abbiamo rappresentato una rivoluzione, sia per la scelta del menù che per i costi. Proponevamo periodicamente menù con piatti Fusion regionali, come lo sformato di cipolla rossa di tropea, la mozzarella di bufala campana DOP. Oggi queste proposte sono la normalità, dodici anni fa questa scelta era sicuramente innovativa. Inizialmente l’Idillio fu pensato come un piccolo ristorante in cui lavoravano solo due persone, ma ebbe così successo che tutta la famiglia si riversò in questo progetto. Purtroppo poco dopo l’apertura iniziò la crisi economica, molti ristoranti iniziarono ad utilizzare menù completi a basso costo, quindi chi ha deciso di mantenere alta la qualità del prodotto, come noi, ha iniziato a soffrire. Per fortuna abbiamo tenuto duro e oggi siamo in continua crescita.”

Negli ultimi anni c’è una nuova tendenza, molti adottano uno stile di vita vegetariano o vegano, come vi siete adeguati a queste nuove tendenze alimentari?

“Gran parte dei nostri piatti sono vegetariani, ad esempio le crepes al radicchio e taleggio, le melanzane grigliate e scamorza hanno sempre fatto parte del nostro menù. Zucca e gorgonzola, sformati di verdure miste oppure con i carciofi, le vellutate, il passato di fave sono piatti che a rotazione vengono proposti. Non abbiamo avuto una grande necessità ad adattarci. La chef Paola pensa che se molti problemi fisici derivano dalle materie prime che scegliamo, perché non dare attenzione a ciò che mangiamo utilizzando prodotti di alta qualità? Certo è un rischio perché i costi sono diversi per le forniture, ma siamo riusciti a non aumentare i prezzi al pubblico.”

Dopo questa bella chiacchierata con Andrea sono riuscita a rubare qualche minuto alla chef Paola. Davanti a me una donna minuta ma dotata di una grandissima forza, audacia, passione per il proprio lavoro e sacrificio, nei suoi occhi e nelle sue mani riesci a percepirla tutta. Le chiedo timidamente qual’è il piatto che ama cucinare e lei mi risponde il semifreddo di grana, ma la pasta fatta in casa rimane per lei il piatto per eccellenza. Dovete assolutamente provarla!!

Visto che non sono mai contenta sono riuscita a rubarle una ricetta.

 

Polpette di carne chianina

Ingredienti per 8 polpette di media grandezza

mezzo kg di carne macinata chianina

1 fetta di pane

1 uovo

la punta di uno spicchio di aglio

alcune foglioline di prezzemolo, sale a piacere

pangrattato, una manciata di grana padano dop grattugiato

Procedimento

Mettere le fette di pane in ammollo, scolarle e triturarle a mano. In una ciotola capiente unire la carne macinata, le fette di pane sbriciolate, l’uovo intero, la puntina di aglio tritata, il sale, prezzemolo e il grana padano. Mescolare per bene con le mani e far stazionare l’impasto in frigorifero per almeno mezz’ora.

Successivamente prendere il composto e formare delle palline di grandezza a piacere, le rotoliamo nel pangrattato e le disponiamo in una teglia ricoperta con carta da forno. Far cuocere in forno per 30 minuti ad una temperatura di 175°

.

 

Le Polpette della chef Paola

 

 

 

 

Il consiglio del sommelier Andrea per accompagnare le polpette di chianina

Vassallo Colle Picchioni

Taglio bordolese prodotto nel Lazio da viti di oltre settanta anni di età. Un vino di carattere e di lunghissima persistenza, ma allo stesso tempo elegante e capace di rendere perfetta, con il suo ampio corredo aromatico, l’esperienza dell’assaggio delle polpette. Il Vassallo è la punta di diamante della produzione di Colle Picchioni, un’azienda vitivinicola a gestione familiare nata a Frattocchie di Marino (Lazio) dall’estro e dall’iniziativa di Paola di Mauro e oggi guidata con passione e abilità dal figlio e dal nipote Armando e Valerio di Mauro.

 

 

 

Trattoria – Vineria Idillio, Via Augusto Dulceri n. 29 Tel 06.297089

Orario apertura 13.00 – 15.00 dal martedì’ al sabato – 18.30 – 24.00 dal lunedì al sabato. Domenica giorno di chiusura.

Vi consiglio di prenotare specialmente nel fine settimana.

Ideale anche per un aperitivo veloce dopo il lavoro, grazie alla loro ottima carta dei vini.

Nel periodo estivo c’è un’ampia terrazza dove si può mangiare all’aperto.

 

 

 

1
1 - copia
1 - copia - copia