1
1 - copia
1 - copia - copia

Quando Frise e cacioricotta

valgono più di mille souvenir

Puglia terra di trulli, ulivi, taralli, mare, sole e tramontana.

Si perché a differenza di molti solo io potevo trovare il brutto tempo nell’estate più rovente degli ultimi decenni.
La nostra prima tappa è stata Alberobello, paese di trulli e vicoli meravigliosi, ma il mio pensiero appena arrivata è sempre uno: cosa assaggio di tipico? Le Friselle, o meglio dette in dialetto “Frise”, grande taralli tagliati a metà e biscottati in forno, di grano duro integrali oppure ai cinque cereali, condite con pomodoro, olio d’oliva e sale. In origine i marinai le portavano in nave e le bagnavano addirittura con l’acqua del mare aggiungendo solo dei semplici pomodorini. Oggi vengono arricchite con tonno, rucola, salmone e Philadelphia, burrata e tanto altro, assolutamente divine.

La mia prima Frisa è al pomodoro, olio di oliva e crema di basilico. Croccante sotto e morbida al punto giusto nella parte superiore.

Frisa alla Norvegese

Frisa con Pomodoro e crema di basilico

Frisa con Tonno, Olive e Rucola selvatica

Ho pensato subito che avevo trovato una soluzione per i miei pranzi al mare, che ci vuole a prepararle a casa?

E invece no, a momenti mi spacco un dente. Visto che penso sempre alla linea, ho scelto le frise integrali, per scoprire a mie spese, che sono più difficili da bagnare. Il primo giorno di mare mi alzo, prendo le frise le bagno con un pochino di acqua e aggiungo il condimento, arrivo in spiaggia e nulla è semplice come sembra. Non mi davo pace per questo fallimento e inizio a chiedere a chiunque in spiaggia: “ma come si bagnano le frise?”. A quanto pare devono esser immerse nell’acqua, in dialetto “sponzare”, per uno, massimo due minuti così ve omogenee e poi vengono fatte scolare. Ho tentato una seconda volta in sette giorni e lì mi sono fermata. Buon sangue non mente. Stavolta troppo bagnate. Risultato: perché impazzire e non comprarle già fatte?

Durante il nostro soggiorno in Puglia sono tanti i posti che abbiamo visitato e porto nel mio cuore. Otranto è davvero uno dei borghi antichi più belli d’Italia. Con il Castello Aragonese, le torri e i bastioni, il borgo è racchiuso in una fortezza circondato da mura difensive, quindi si può accedere al suo interno solo attraverso la Porta Alfonsina. Ricco di negozi e attività enogastronomiche, la città si affaccia sul Porto, con un’ acqua così limpida che non ha nulla da invidiare alle calette lontane dal borgo, quindi è facile vedere bagnanti che affollano la spiaggia. Ho visitato Otranto sia di giorno che di sera, senza nulla togliere alla bellezza dei vicoli in notturna, questa città deve esser visitata di giorno. Durante il mese di agosto di sera c’era così tanta gente che siamo riusciti a far due passi con una lentezza davvero estrema.

Come ogni viaggio che si rispetti il pensiero fisso dal momento in cui si mette piede in terra “straniera”, ovvero si percorrono almeno 100 km da casa, è il souvenir da portare a casa. Si certo, è un piacere portare un regalo a mamma, papà, sorella, marito della sorella, nipote, zia…. Vabbè ansia che neanche il 24 dicembre con la lista dei regali ancora da depennare!! Da qualche anno a questa parte ho iniziato a cambiar totalmente abitudine. Dopo aver riempito tutti i frigoriferi di casa e stavo addirittura iniziando quelli lasciati per dispetto al sindaco di Roma davanti ai cassonetti, con calamite di ogni tipo e forma, il mio nuovo souvenir è sicuramente gastronomico.

Cercare prodotti locali e portarli in dono mi rendono davvero felice. Certo rischio di macchiare di olio tutti i miei vestiti, e la puzza di caciotta e tartufo me la porterò dietro per mesi ma è davvero bello tornare a casa e godere tutti insieme della bontà dei cibi a km 0.

Dalla Puglia, con la scusa che viaggiavo in macchina, ho portato una discreta quantità di cibo. La macchina ormai sapeva di cacioricotta, ma per una volta che non dovevo badare a peso e misure ho esagerato alla grande!

Il mercato di San Foca, una piccola città con un mare bellissimo, è stato preso d’ assalto, o meglio i commercianti hanno preso d’assalto noi. Erano le 10 del mattino e ci hanno fatto assaggiare di tutto, burrate, salami, taralli. Ognuno decantava il proprio prodotto. A noi poco importava. Mangiavamo, godevamo e basta.

Risultato: ho portato a casa, orecchiette, cacioricotta da spolverare sulla pasta, provole, peperoncini, che ho gelosamente surgelato freschi al mio rientro come provvista per l’inverno, origano fresco, taralli, salami e pomodori secchi.

Che dire, viva il souvenir culinario, super apprezzato da tutti!!!

Prossima tappa, prossima degustazione.

 

 

Piccolo consiglio:

Se siete dalla parti di San Foca, dovete mangiare al Mora Mora Bistrò del Mare oppure approfittare di un aperitivo al tramonto.

 

 

Vi lascio con alcune foto di questa splendida terra, la Puglia.

Alberobello

Otranto

Ostuni

A Roma riparte Parco Appio

A Roma riparte Parco Appio

A Roma riapre Parco AppioIl Polmone verde nel cuore di Roma riqualificato e aperto a tutti parte con una programmazione più ampia e una serie di attività guidate dal giovane creatore del progetto Federico Feliziani.Non chiamatelo ‘parco estivo’,...

leggi tutto
San Valentino al Palazzo Montemartini Rome

San Valentino al Palazzo Montemartini Rome

San Valentino al Palazzo Montemartini RomeSan Valentino è il momento perfetto per prendersi una pausa, fuggendo mano nella mano in un luogo romantico dove godersi coccole speciali come quelle che Palazzo Montemartini Rome, A Radisson Collection Hotel ha in serbo per i...

leggi tutto
Hilton Molino Stucky a Venezia

Hilton Molino Stucky a Venezia

Hilton Molino Stucky a Venezia   San Valentino a Venezia, cosa c’è di più romantico che camminare mano nella mano tra le calli? La Laguna regala panorami mozzafiato e l’Hilton Molino Stucky, che trova il suo spazio sull’affascinante isola della...

leggi tutto
Il Capodanno cinese da Dao Restaurant

Il Capodanno cinese da Dao Restaurant

Il capodanno cinese da Dao RestaurantIl 2022 è l’anno della Tigre e lunedì 31 gennaio DAO RESTAURANT celebra il nuovo segno con un menù degustazione speciale a base di piatti ‘portafortuna’, considerati tali per via del loro significato simbolico legato alle...

leggi tutto
Casa Coppelle ogni giovedì diventa Scandaleux

Casa Coppelle ogni giovedì diventa Scandaleux

Casa Coppelle il giovedì diventa ScandaleuxL’intento non è solo regalare un un servizio più ampio, ma creare un’esperienza, così «Casa Coppelle, dimora dell’ospitalità internazionale si prepara ad accogliere un pubblico esperto ed esigente....

leggi tutto
La dolcezza di Casa Manfredi

La dolcezza di Casa Manfredi

La dolcezza di Casa Manfredi inizia dal suo nome, ispirata dal piccolo di famiglia questa pasticceria su Viale Aventino travolge e stupisce come solo i bambini sanno fare! Le festività natalizie qui creano un’atmosfera magica in cui il protagonista si conferma il...

leggi tutto
Tortelli con crema di pecorino e fave

Tortelli con crema di pecorino e fave

Tortelli con crema di pecorino e fave     Ricetta Ingredienti per quattro persone Per la pasta 6 tuorli 2 uova intere 400 gr di farina 20 gr di sale Per il ripieno 200 gr di pecorinomezzo bicchiere di latte 50 gr di fave sgusciate...

leggi tutto
Pasqua 2021: menù e prezzi dei delivery a Roma

Pasqua 2021: menù e prezzi dei delivery a Roma

Pasqua 2021: menù e prezzi dei delivery a Roma  Pasqua 2021, un altro anno a casa senza il nostro ristorante preferito. Che dite, proviamo a portare il ristorante a casa nostra con il delivery? Vi elenco prezzi e menù di alcune proposte a...

leggi tutto
Casatiello: la ricetta di Dolcemascolo

Casatiello: la ricetta di Dolcemascolo

Casatiello: la ricetta di Dolcemascolo  Il Casatiello è una torta salata di recupero, un lievitato della tradizione partenopea tipico del periodo pasquale. Un mix di sperimentazione sui lievitati, ed un vero e proprio involucro territoriale...

leggi tutto
La ricetta della Pastiera di Gruè

La ricetta della Pastiera di Gruè

La ricetta della Pastiera di Gruè    La Pastiera della Pasticceria Gruè è assolutamente fedele alla tradizione, ma diversamente bilanciata negli zuccheri per essere apprezzata anche dai palati più fini. Preparata con una frolla classica...

leggi tutto

Share This

Share this post with your friends!